News
Febbraio 4, 2024

IED X Mazzoleni

Nell’ambito del progetto didattico “IED X Mazzoleni Art – Mostra di David Reimondo”, gli studenti al secondo anno del Corso in Graphic Design IED Torino hanno sviluppato nuove strategie per la promozione della mostra di David Raimondo in Galleria Mazzoleni.
L’obiettivo è stato sviluppare una campagna integrata che includesse la progettazione di un’identità visiva distintiva e un concept di exhibit design completo, comprendente packaging primario e secondario, oltre alla segnaletica ambientale per le opere esposte, e a un piano editoriale per la comunicazione online.

I progetti sono di:
Alessandro Fabris, Alfredo Scarsi, Alice Magnozzi, Asia Saleri, Clara Aquilano, Elena Bazzanini, Eleonora Sasso, Gianluca Paolo Inglese, Ginevra Pozzo, Giovanni Ferri, Giorgia Benedetto, Giorgia Ciappa, Greta Ruscone, Ilenia Pellegrino, Ivan Livolsi, Leonardo Finello, Maria Corbasi, Martina Correndo, Marko Antov, Patrick Wiley, Rebecca Lombardo, Serena Leoncini, Yersson Camilo Verduci, Zaccaria Pisciotta

Coordinamento del progetto
 Andrea Viberti
Erika De Pasquale
Federico Madiai

Gallery

“Esaminando attentamente le parole dell’artista, abbiamo identificato i tre momenti cruciali della sua pratica artistica. Il suo percorso inizia con un’analisi profonda e introspettiva, caratterizzata da una sincera decostruzione delle convenzioni sociali con ingenuità e purezza infantile; questo primo passaggio rappresenta per noi il momento ludico.
Questa nuova consapevolezza si manifesta nel mondo e diventa pubblica nel secondo momento, quando il pensiero mentale si trasforma in parole pronunciate: il momento fonico. Di conseguenza, le parole si traducono in azioni, produzione, circolazione e spiegazione delle opere, lo studio di queste e il loro impatto attivo sul mondo e sulle persone. Il suo lavoro raggiunge il culmine nel momento dinamico.
Riflettendo su questa analisi del lavoro di David Reimondo, abbiamo capito che il modo migliore per condensare questa visione era attraverso il gioco “Strega comanda colore”. Un gioco in cui partendo da una visione pura, libera e colorata del mondo, ci si muove seguendo le temporanee regole verbali pronunciate dalla strega.
Pertanto, nel nostro approccio grafico, l’artista è diventato una strega che, con la sua arte colorata e rumorosa, sincera e consapevole, permea ogni aspetto della comunicazione visiva di questa mostra. Dal catalogo alle pareti della Galleria Mazzoleni, dal poster ai biglietti da visita, dal profilo Instagram ai gadget, tutti i mezzi saranno influenzati dalla mano, dal tratto e dai colori dell’artista.”

Un progetto di: Maria Corbasi, Giovanni Ferri, Ilenia Pellegrino
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“Il nostro obiettivo con questo progetto è stato definire l’identità visiva della mostra CROMOFONETICA di David Reimondo presso la Galleria Mazzoleni. Per realizzarlo, abbiamo sviluppato il concept del “colore democratico”.
La parola chiave che ha guidato il nostro lavoro è stata “democrazia”, evocando immediatamente l’iconografia delle rivoluzioni parigine del ’68. Una volta individuata la nostra estetica, l’abbiamo declinata in diversi ambiti, includendo l’identità visiva, l’allestimento della mostra e la presenza sui social media della Galleria Mazzoleni.
Il nostro approccio si concentra sulla creazione di un impatto visivo attraverso grafiche provocatorie e insolite per una mostra d’arte, con l’intento di attirare e incuriosire un vasto pubblico.”

Un progetto di: Alfredo Scarsi, Yersson Camilo Verduci, Patrick Wiley
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“Riflettendo sulle idee di David, ci rendiamo conto che interpretiamo e comprendiamo il mondo in base alla lingua che conosciamo. È cruciale liberarci dai vecchi modi di pensare per poter esplorare nuove prospettive e creare realtà più autentiche, più in sintonia con la nostra individualità. Questo processo richiede innanzitutto di conoscere e comprendere noi stessi.
Il concetto di “Tornare all’inizio per andare oltre la fine” sintetizza questa idea, sottolineando l’importanza di esplorare a fondo la nostra interiorità, di riconnetterci con il nostro bambino interiore e, proprio come un bambino, di metterci a creare nuove realtà.
L’argomento che meglio descrive questa trasformazione interiore insieme a quella della realtà è l’entropia. In fisica, disciplina che studia i fenomeni naturali dell’universo, l’entropia rappresenta l’energia presente in tutte le cose dell’universo.
L’entropia riflette l’evoluzione universale, un processo verso il quale tutto l’universo tende. L’energia che fluisce nello spazio si muove costantemente, generando continuamente novità e trasformazioni irreversibili. L’entropia, che può essere alta o bassa, descrive il grado di disordine e caos nell’universo, nonché la vastità delle possibilità di combinazioni di eventi.
L’energia si manifesta attraverso le cose, trasformandole in modo irrevocabile e dando vita a un’infinità di possibilità di creazione di nuovi oggetti ed eventi. In questo contesto, i simboli creati da David rappresentano l’energia in costante movimento, che si manifesta in modi sempre diversi e imprevedibili.”

Un progetto di: Elena Bazzanini, Martina Correndo, Alessandro Fabris
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“La nostra idea prende forma nel rendere soggettivo ciò che è oggettivo, permettendo così ai nostri pensieri di convergere o divergere, e a ciascuno di noi di essere il protagonista della propria percezione, fondendo le esperienze in un’unica realtà.
La realtà stessa è il veicolo attraverso il quale realizziamo questo obiettivo; il nostro concetto si basa su questo principio, e il mezzo attraverso il quale viene comunicato è il riflesso, che si manifesti in un poster, uno specchio, uno smartphone o qualsiasi altra cosa capace di restituirci un’immagine di noi stessi.”

Un progetto di: Leonardo Finello, Ivan Livolsi, Rebecca Lombardo
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“La nostra concezione visiva per Cromofonetica nasce dall’idea che ognuno di noi sia guidato dalla propria soggettività. Un’idea di istinto, di sensazione e di emotività che influenza ciò che sentiamo, vediamo e percepiamo.
Ne abbiamo ricavato una simbologia, spinte dalla stessa esigenza di David Reimondo di reinterpretare un linguaggio, usando non solo le forme ma anche i colori primari, ai quali viene associato un simbolo legato alla percezione. Per concretizzare al meglio la nostra idea, il nostro approccio visivo confluisce staticità e movimento in alternanza, per suscitare nel visitatore questa idea istintiva su ciò che sente, vede e percepisce.”

Un progetto di: Serena Leoncini, Ginevra Pozzo, Asia Saleri
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“Abbiamo preso il segno distintivo della Cromofonetica e lo abbiamo proiettato come un raggio laser, simboleggiando così una visione del mondo innovativa. Questo raggio laser, emblema della luce, ci rivela una realtà diversa da quella che sperimentiamo ogni giorno.
I colori della Cromofonetica e le ricerche di David si liberano nello spazio, trovando un ambiente naturale e diffondendosi tra le persone che partecipano alla mostra. Quest’esperienza offre una prospettiva inedita sulla realtà, stimolando una percezione più profonda e diversificata del mondo circostante.
Questa non è semplicemente una mostra d’arte, ma un viaggio attraverso colori e suoni, un’esperienza che sfida le nostre percezioni e ci spinge a guardare al di là delle apparenze.”

Un progetto di: Zaccaria Pisciotta, Eleonora Sasso, Clara Aquilano
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“La nostra proposta per Cromofonetica si basa sul punto centrale della ricerca dell’artista David Reimondo: la creazione di un linguaggio personale che, attraverso un profondo viaggio introspettivo, cerca di superare le sovrastrutture culturali che influenzano la nostra percezione.
Abbiamo abbracciato questo approccio cercando di dar forma a delle strutture con un’estetica tridimensionale, alle quali abbiamo conferito una specifica materialità ispirata a qualcosa che abbiamo individuato come una radice comune in tutti noi: il cervello. Per David Reimondo, infatti, “il muscolo del pensiero è il cervello”.
Sebbene la sostanza cerebrale possa sembrare uniforme in tutti noi, i contenuti, i sentimenti, le sensazioni, le visioni e le interpretazioni sono sempre diversi e mutevoli per ciascuno. Questi elementi costituiscono l’essenza della nostra anima e ciò che ci rende unici: questo è diventato il fondamento materico e spaziale dei nostri elementi visivi, che fluttuano in un’atmosfera intima e fluida.”

Un progetto di: Giorgia Ciappa, Alice Magnozzi, Greta Ruscone
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

Gallery

“Il progetto Cromofonetica ha origine dall’intersezione di due concetti fondamentali: l’intensità emotiva di un’esperienza artistica e l’ego creativo dell’artista. Da queste fonti di ispirazione, abbiamo sviluppato un concept innovativo basato sulle heatmap del calore corporeo, applicato all’arte e alla sua percezione. Il nostro obiettivo è amplificare l’ego dell’artista attraverso l’uso simbolico del calore e dell’urlo, trasformando concetti astratti in un’iconografia visiva distintiva.
Il logo, stilizzato come onde sonore che si diffondono da sinistra a destra, rappresenta l’energia e l’impatto delle opere d’arte sullo spettatore. Abbiamo inoltre sviluppato due visual distinti: il primo, utilizzato per i social media e il sito per la promozione della mostra e la pre-apertura, si avvale di colori che richiamano le heatmap, mantenendo una forma astratta e universale. Il secondo, ispirato all’opera di David “Open The BOX”, ha dato vita a tre mascotte – Adisl, Adisok e Adisow – che incarnano l’unione tra intelligenza artificiale, l’azione dell’urlo e l’innovazione artistica, orientandosi verso destra come simbolo di progresso.
La nostra visione non si limita a rappresentare l’artista in modo efficace, ma mira anche a lasciare un’impronta indelebile nelle menti delle nuove generazioni, espandendo così il target e contribuendo alla promozione efficace sia di David Reimondo che della Galleria Mazzoleni.”

Un progetto di: Marko Antov, Giorgia Benedetto, Gianluca Paolo Inglese
Studenti del Corso di Laurea Triennale (DAPL) in Graphic Design IED Torino

L’Istituto Europeo di Design nasce nel 1966 da una straordinaria visione di Francesco Morelli. Oggi IED è l’unica Scuola di Alta Formazione in ambito creativo ad aver mantenuto nel tempo una matrice interamente italiana. Ogni anno IED avvia progetti di innovazione in ambito formativo nelle discipline del Design, della Moda, della Comunicazione e del Management, delle Arti Visive, dell’Arte e del Restauro, sviluppando forme di apprendimento e nuovi modelli per interpretare il futuro. Riconosciuto a livello internazionale, il Gruppo IED è presente in 3 Paesi: in Italia a Milano, Cagliari, Firenze, Roma, Torino e a Como con l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli; in Spagna a Barcellona, Madrid e Bilbao e in Brasile a Rio de Janeiro e San Paolo. L’offerta formativa comprende corsi Undergraduate (Diplomi Accademici di I° Livello, Título Superior en Diseño, Diploma de Bacharelado, Diplomi BAH e Diplomi IED), Postgraduate (Master di Primo Livello e Master IED) e Corsi di Formazione Continua. IED può contare su una rete di oltre 3.000 docenti, attivi nei rispettivi settori di riferimento, con cui collabora costantemente per assicurare il perfetto svolgimento delle attività di formazione delle sue sedi.

L’Istituto Europeo di Design è presente a Torino dal 1989 e ha sede nel cuore residenziale della città, in un edificio storico appartenuto originariamente ad un convento. Un fascino antico, ancora percepibile nel giardino interno, in cui si incontrano ogni anno oltre mille studenti provenienti da tutto il mondo.

DAVID REIMONDO. CROMOFONETICA
Mazzoleni, Torino
21 marzo – 31 maggio 2024
Vernissage: giovedì 21 marzo 2024, 18.00-22.00