Andrea Francolino Humus al Museo Novecento, Firenze

01 febbraio, 2021

Mazzoleni è lieta di annunciare che Humus, la mostra personale di Andrea Francolino a cura di Sergio Risaliti e Luca Puri, attualmente allestita presso il Museo Novecento di Firenze sarà prorogata fino al 5 aprile 2021.
Il titolo del l’esposizione nasce da un’attenta osservazione della Natura e delle relazioni tra gli Stati europei, le loro identità culturali e il futuro sostenibile, con l’intento di unire tutti nell’orizzonte della cura del pianeta. Lo studio di Francolino si concentra su un’azione specifica che la Natura compie sapientemente ed intelligentemente per la protezione del suolo: la pacciamatura, ovvero la pratica di ricoprire il terreno di materiale organico per mantenerne l’umidità, proteggerlo dall’erosione e contenerne la temperatura.
Il progetto prevede l’installazione di 28 bandiere, una per ogni stato membro dell’Unione Europea e una, collettiva, che riunisce e rappresenta insieme tutte le nazioni dell’Europa unita. Su ciascuna bandiera saranno visibili le coordinate GPS riferite alle sedi dei singoli parlamenti, in modo discreto e univoco per rivelare attraverso la posizione geografica il proprio posto nel mondo facendo riferimento a quei luoghi dove gli uomini, con le proprie decisioni, determinano o meno gli equilibri. La disposizione di ciascun vessillo richiama quella dei rappresentanti dei singoli Paesi, quando, seduti assieme, possono incidere con le loro scelte sulle sorti del pianeta.
L’emergenza ecologica e il forte impegno che singoli e nazioni hanno messo in campo per la salvaguardia del pianeta sono i punti di riflessione di Andrea Francolino che affronta questo tema auspicando un futuro unito da un intento comune di salvaguardia: “Di fronte a tutto questo crolla ogni differenza di credo, razza, cultura o provenienza, perché la Terra è una e la stessa per tutti.”

Fotografia: Cristian Timpone

Share