Alberto Magnelli

Alberto Magnelli nasce a Firenze il 1 luglio del 1888.  Dal 1907  intraprende l’attività pittorica e nel 1911 entra in contatto coi pittori futuristi senza mai aderire a tale movimento; frequenta inoltre gli ambienti dell’avanguardia fiorentina Lacerba e La Voce  stringendo amicizia con Ardengo Soffici. Nel 1914 compie un viaggio a Parigi con Aldo Palazzeschi durante il quale conosce Apollinaire, Picasso, Léger e frequenta lo studio di Matisse.
A partire da questa data la sua pittura assume uno stile più astratto sino ad arrivare alla completa astrazione nel 1915. I blocchi di marmo delle cave di Carrara saranno ispirazione per la serie Pietre che espone nel 1934 nella galleria parigina di Pierre Matisse. Dal 1931 si trasferisce definitivamente a Parigi. Nel 1938 espone alla Galleria il Milione di Milano assieme ad Hans Arp, Vasilij Vasil’evič Kandinskij e Sophie Taeuber-Arp. Durante la Seconda guerra mondiale Alberto Magnelli e la moglie Susi Gerson si trasferiscono a Grasse dove formano un circolo con Sonia Delaunay, Arp e Sophie Taeuber. Durante questo soggiorno Magnelli si dedicò completamente all’astrattismo realizzando collages, esposti in numerose ed importanti mostre tematiche, nonché i dipinti su ardesia. Nel 1947 viene presentato da Arp alla prima retrospettiva tenutasi presso la galleria Renè Drouin a Parigi, mentre 1949 espone alla grande mostra collettiva “Le origini dell’Arte Astratta” tenutasi presso la Galleria Maeght di Parigi.
Nel 1954 tiene una mostra presso il Palazzo delle Belle Arti di Bruxelles esponendo 100 opere realizzate dal 1914 al 1954 , l’esposizione verrà replicata anche nei Paesi Bassi l’anno seguente, e per la quale vincerà il “Prix de la Critique”. L’anno successivo partecipa alla Biennale di San Paolo in Brasile dove gli viene assegnato il Primo Gran Premio per la Pittura Straniera.
Magnelli partecipa alle più importanti rassegne internazionali di arte astratta nonché alla Biennali di Venezia, Quadriennali di Roma e Documenta di Kassel ed espone tra l’altro a Parigi, Berlino e New York con importanti retrospettive. Artista di carattere internazionale è considerato uno dei capiscuola e primi iniziatori dell’Astrattismo europeo.
Alberto Magnelli muore a Meudon in Francia, il 20 aprile del 1971.

Share